La lavastoviglie è amica del tempo e del risparmio, chi ne ha una in casa sa benissimo quale valore essa rivesta nell’ambito delle pulizie e dell’economia domestiche. Dopo aver mangiato, sistemare con ordine le stoviglie, preventivamente pulite dai residui di cibo, significa investire il tempo impiegato per fare dell’altro. Scegliendo i giusti detersivi (consigliamo sempre quelle liquidi, che evitano incrostazioni nelle tubazioni) e il tipo di lavaggio più adatto, si ottengono piatti, bicchieri, posate, pentole, perfettamente puliti e disinfettati. Affinché i risultati siano sempre soddisfacenti, è necessario pulire l’elettrodomestico con regolarità, seguendo i giusti passaggi.

Premettiamo un consiglio fondamentale: per ottenere sempre stoviglie pulite ed evitare problemi di perdite di acqua, che possono essere causate da incrostazioni e calcare, suggeriamo di procedere con la pulizia una volta al mese.

Vediamo come si fa.

Passaggio 1: eliminare ogni residuo di cibo, anche il più piccolo con un fazzoletto imbevuto, assicurandoti che i buchi della doccia superiore e inferiore della lavastoviglie non siano otturati.

Passaggio 2: rimuovere il filtro. Lascia in ammollo per qualche minuto i pezzi che lo compongono: puoi usare il metodo di aceto bianco di alcool e bicarbonato*, che, combinati, esplodono in una schiuma detergente e disincrostante. Se ci sono zone particolarmente incrostate, puoi aiutarti con uno spazzolino da denti, che logicamente destinerai solo a quest’uso.

*L’aceto bianco di alcool, unito al bicarbonato di sodio, ha il potere di detergere, disinfettare, disincrostare ed, inoltre, insieme eliminano qualsiasi cattivo odore. È un sistema naturale, che non esala fumi tossici, come ad esempio potrebbe accadere per particolari tipi di detersivi, potenzialmente aggressivi anche per le tubature.

Passaggio 3: dopo aver estratto il carrello inferiore, spruzza un’abbondante quantità di aceto bianco di alcool con uno spruzzino praticamente in ogni angolo dell’elettrodomestico. Per disincrostare la lavastoviglie, utilizza una spugnetta o una spazzola con setole antigraffio, bisogna che anche l’interno dello sportello venga pulito con cura.

Passaggio 4: dopo aver lavato i pezzi del filtro, precedentemente lasciati in ammollo, possono essere rimontati. A questo punto puoi anche sistemare il carrello inferiore.

Passaggio 5: prepara di nuovo il composto schiumoso, ottenuto mescolando insieme sulla base della lavastoviglie una buona quantità di aceto bianco di alcool e bicarbonato, che lascerai in posa per una notte intera. Il mattino successivo fai partire il lavaggio della massima temperatura.

Ovviamente questo sistema per pulire la lavastoviglie può essere sostituito con l’acquisto di prodotti che promettono, in tempi più brevi, una pulizia interna accuratissima, perché disinfettanti, disincrostanti e anti-calcare. Abbiamo proposto la soluzione, spiegata anche nel video in basso (da quale abbiamo raccolto gli screen), per offrire un modo sicuro, ecologico e soprattutto economico per pulire la lavastoviglie di casa, il che ci permette anche di scoprire come funziona e di quali pezzi è composta.