Cos’è lo stucco veneziano? Stiamo parlando di un prodotto che permette una particolare finitura lucida sulle pareti. La storia dello stucco veneziano ha origini antichissime: i primi ad utilizzarlo, a quanto pare, sono stai gli abitanti delle province orientali dell’Iran, che hanno lasciato tracce risalenti ad oltre cinquemila anni fa. Qui lo stucco veneziano era usato al posto della terracotta per legare i mattoni tra loro.Dall’Iran alla Mesopotamia, fino a raggiungere l’isola di Creta e Malta, dove, a seguito di scavi archeologici, sono stati trovati resti di pareti tinteggiate con lo stucco veneziano (tra il 3000 e il 2500 a.C.).

Durante i secoli gli sono state attribuite diverse denominazioni, quali stucco antico, stucco romano, marmorino, stucco lucido, ma fu proprio a Venezia, durante il ‘700, che lo stucco antico trovò il suo più largo ed artistico utilizzo, non solo come protezione per le strutture degli antichi edifici ma anche come decorazione muraria.

Per ottenerlo si miscela con acqua grassello di calce e calce aerea, a cui vi si aggiunge una polvere impalpabile di marmo: alla fine si ottiene una finitura “pregiata”, con la quale si possono decorare intere pareti. La tecnica dello stucco antico, in pratica, sembra piuttosto semplice: bisogna stendere dalle due alle tre mani di prodotto, che va lisciata con la spatola, così da far penetrare a fondo la polvere di marmo nella calce (più viene schiacciata più si ottiene il desiderato effetto lucido).

Dalla teoria alla pratica: ecco un video esaustivo che spiega come ottenere lo stucco veneziano con prodotti specifici.

Stucco veneziano fai da te: la video-guida

I vantaggi dello stucco antico

Oltre ad essere esteticamente di grande impatto, la scelta dello stucco antico si motiva anche mettendo in evidenza le sue varie utilità:

  • Resistente all’umidità e antimuffa: essendo realizzato solo con materiali di origine naturale (grassello di calce e calce aerea), viene generalmente utilizzato per risanare muri storici. In particolare, nelle zone lagunari, lo stucco antico è molto utilizzato, in quanto resiste all’umidità ed è particolarmente traspirante. In commercio, come è ovvio, esistono dei preparati per stucco veneziano a base acrilica, che, addizionati con antibatterici, garantiscono lo stesso effetto antimuffa.
  • Unico – ogni mano è diversa dall’altra, quindi l’effetto finale non potrà mai essere uguale ad altri. La vasta gamma di colori, contestualizzata alla zona da abbellire e/o decorare, determina un’ulteriore motivo di distinzione.
  • Durevole – questo tipo di finitura può durare decenni senza bisogno di interventi di restauro.

Prezzo dello stucco antico

Il prezzo dello stucco antico ha costi variabili, che partono da € 30 fino ad arrivare a € 40/45 al mq. Ovviamente la variabilità del prezzo è direttamente proporzionale alla concorrenza, alla qualità dei prodotti utilizzati, all’estensione della parete, per la quale potreste contrattare un prezzo a forfait, ai colori, alla qualità del supporto, ossia del muro, se dunque ha bisogno di essere lavorato in quanto la base deve essere perfettamente liscia.

Il consiglio è sempre quello di affidarsi ad esperti del settore, anche perché bisogna essere particolarmente abili con l’uso della spatola. Non è propriamente una tecnica che si può realizzare guardando dei tutorial su internet, a meno che non si ha un’innata predisposizione ai lavori manuali.

I colori dello stucco antico

La variabilità dei colori, che propongono le varie aziende come la Sikkens (vedi video sopra), ma anche Giolli (qui scaricabile un pdf molto esaustivo sull’argomento), servono a mettere in risalto ancor di più l’effetto finale lucido. Se si desidera avere un’idea di come verrà una parete realizzata con lo stucco antico in determinati colori, vi consiglio di sfogliare il catalogo proposto da Sikkens.

Stucco antico opaco

Generalmente si associa lo stucco veneziano ad un effetto finale lucido, ma bisogna sapere che in realtà le origini dello stucco antico sono legate al “maromino”, ossia una tecnica decorativa basata sulla polvere di marmo e calce. Ciò che differenzia la finitura lucida da quella opaca sta ovviamente nel risultato, che può essere considerato più o meno discreto.

Negli ambienti più estesi della casa, come il soggiorno, o in quelli minimal, la parete decorata con lo stucco veneziano dirige gli sguardi su di sé illuminando e arredando. Anche nel bagno è un perfetto elemento di design, oltre che per la bellezza del risultato soprattutto per le sue già decantate capacità di resistenza all’umidità.